DECLINO DELLE API E DEL LORO MIELE: SCOPERTO UN ESTRATTO CHE LE PROTEGGE DA VIRUS DANNOSI

Secondo una nuova ricerca degli scienziati della Washington State University, è stato osservato che un estratto di un fungo, dato come nutriente per le api da miele, riduce notevolmente la possibilità che si ritrovino infettate da virus. Preservare questi insetti è sicuramente un passo importante per la salvaguardia della biodiversità.

Nelle prove sul campo, le colonie alimentate con estratto di micelio da amadou e funghi reishi hanno registrato una riduzione di 79 volte del “virus dell’ala deformata” ed una riduzione di 45.000 volte del virus del lago Sinai.

Nell’ultimo decennio, gli apicoltori hanno assistito ad un disastroso declino della salute delle colonie di api da miele, con una media di oltre il 30% annuo in negativo. Gli acari Varroa e i virus che proliferano svolgono un ruolo importante in queste perdite. Il virus dell’ala deformata, che causa l’avvizzimento delle ali, riduce notevolmente la durata della vita delle api operaie.

La nostra più grande speranza è che questi estratti abbiano un tale impatto sui virus da aiutare gli acari varroa a diventare solo un “fastidio” per le api, piuttosto che causare devastazioni”, ha detto Steve Sheppard, un professore di entomologia della WSU e uno degli autori. “Siamo entusiasti di vedere dove questa ricerca ci conduce. Il tempo stringe per le colonie di api e la sicurezza delle forniture alimentari mondiali dipende dalla nostra capacità di trovare mezzi per migliorare la salute degli impollinatori”.

Prosegue Sheppard:”Uno dei principali modi in cui gli acari varroa feriscono le api è diffondendo e amplificando i virus. Gli acari mettono davvero sotto stress il sistema immunitario delle api, rendendole più suscettibili ai virus che ne accorciano la vita”.

Questo è il primo documento di ricerca frutto di una partnership tra il laboratorio di Sheppard e Fungi Perfecti. Il loro co-proprietario e fondatore Paul Stamets è un coautore del documento.
Stamets è un esperto riguardo i benefici dei funghi, sia per l’uomo che l’intero ecosistema naturale. E si sta godendo questa collaborazione con Sheppard e il suo laboratorio.

Paul in precedenza ha lavorato ad un progetto che mostrava le proprietà antivirali degli estratti miceliali sulle cellule umane“, ha detto Sheppard. “Ha letto dei virus che danneggiano le api e ci ha chiamato per esplorare l’uso degli estratti su di esse e dopo due anni abbiamo dimostrato che quelle proprietà anti-virali si estendono anche alle api”.

Questo è un grande esempio di unione dei punti tra due campi della scienza biologica“, ha detto Stamets. “Sono entusiasta delle nuove scoperte e delle opportunità: per me il meglio della scienza è quando viene utilizzata per soluzioni pratiche: il nostro team è onorato di lavorare con i ricercatori della WSU e non vede l’ora di continuare la collaborazione”.

Sebbene tutte queste novità, al momento l’estratto di micelio non è ancora disponibile per l’acquisto ed utilizzo da parte degli apicoltori. In merito a quest’aspetto, Stamets riferisce: “Stiamo aumentando la produzione degli estratti il ​​più rapidamente possibile, dati gli ostacoli che dobbiamo superare per distribuirlo su vasta scala“, ha aggiunto Stamets.
Sheppard ha detto che lui ed i suoi colleghi hanno in programma di fare più lavoro per perfezionare i loro risultati ora pubblicati. In questo modo gli apicoltori avranno le migliori informazioni quando le forniture saranno più disponibili.

Non siamo sicuri se il micelio stia solo migliorando il sistema immunitario delle api o addirittura combattendo i virus“, ha detto Sheppard. “Stiamo lavorando per capirlo, parallelamente nel testare in gruppi più ampi di colonie, per sviluppare le migliori pratiche e determinare la quantità di estratto da utilizzare e quando avere la migliore efficienza”.

Il virus del lago Sinai è anche associato agli acari varroa ed è diffuso nelle colonie di api negli Stati Uniti. Sebbene il virus non abbia sintomi visibili, è difficile da combattere perché è stato trovato a livelli molto profondi nella gerarchia delle api. È strettamente correlato al virus della paralisi cronica dell’ape e probabilmente rende le api malate e deboli, secondo il professor ricercatore della WSU, Brandon Hopkins.

Le colonie di api trattate in questo esperimento sono state alimentate con un trattamento orale di estratti miceliali in dozzine di piccole colonie di api WSU infestate da acari varroa.

È un trattamento davvero facile da applicare“, ha detto Sheppard. “Dopo aver seguito colonie più grandi per un anno intero, possiamo sviluppare raccomandazioni su come utilizzare gli estratti, quindi ci si aspetta che Fungi Perfecti aumenterà la produzione”.

Al momento non esiste una tempistica per quando l’estratto sarà disponibile su scala abbastanza grande per poter essere usato dagli apicoltori di tutto il mondo.

Giovanni Ferrandes

 FONTE:PHYS

https://tech.everyeye.it/notizie/declino-delle-api-del-loro-miele-scoperto-estratto-che-protegge-virus-dannosi-346385.html

Lascia una risposta