Archivi categoria: Generali

Notizie legate al settore apistico.

Non prendete impegni per il 16 febbraio: ci sono 2 incontri ARAS

 

 

 

Il 16 febbraio l’A.R.A.S. organizza due incontri in Sicilia!!!

Uno si terrà a Floridia e i docenti  F. Bellomo (agronomo e tecnico Aras) ed E. Ferrarini ( Responsabile della struttura di “Alta Specializzazione di Allergologia “Asp 8 Siracusa)  affronteranno le tematiche riguardanti la “Gestione BDA, la Normativa Apistica, la Sicurezza nei luoghi di lavoro, le Allergie da Punture di Imenotteri e la Terapia di Desensibilizzazione.

L’altro incontro si terrà a Naro (AG) e verterà sulle principali patologie apistiche spiegate da F. Battaglia (Apicoltore Professionista, Tecnico ARAS, componente CRT – UNAAPI), le problematiche sanitarie e il piano regionale di lotta alla varroa verranno illustrate da S. Abbene (Medico Veterinario) e con A. Coco (Apicoltore professionista, vicepresidente A.R.A.S. e tecnico per le indagini in campo A.R.A.S) si parlerà di varroa e si  farà il punto sulle indagini in campo svolte dall’A.R.A.S.

Insomma argomenti cari ed importanti sia agli apicoltori professionisti, sia agli hobbisti, agli amanti degli imenotteri ed  anche ai non apicoltori.

Le nostre giornate sono appena iniziate!!! seguiteci perché  abbiamo programmato un calendario fitto di incontri in giro per la Sicilia.

Gestione BDA, normativa apistica

patologie apistiche Agrigento

 

SUBITO STOP A GLIFOSATO E DAL 2025 TUTTA IN BIO L’AGRICOLTURA SICILIANA IN UN DDL FIRMATO 5 STELLE

Due obiettivi ambiziosi per la Sicilia: l’abolizione dell’uso del glifosato e dei neonicotinoidi (insetticidi letali per le api e molti altri insetti pronubi) in tutti gli ambiti, sia agricoli che civili, e la conversione in biologico entro il 2025 di tutte le produzioni agricole dell’isola. 

L’iniziativa del gruppo parlamentare 5 Stelle è in un sintetico disegno di legge dedicato alla difesa della salute, delle acque superficiali e sotterranee, del suolo e dell’agricoltura – sette articoli in tutto- con prima firmataria Valentina Palmeri, ha un folto gruppo di sostenitori che sono stati chiamati a raccolta lo scorso 11 gennaio intorno al grande tavolo della Sala Rossa all’Assemblea Regionale Siciliana. Continua la lettura di SUBITO STOP A GLIFOSATO E DAL 2025 TUTTA IN BIO L’AGRICOLTURA SICILIANA IN UN DDL FIRMATO 5 STELLE

STOP GLYPHOSATE, IL CARTELLO SICILIANO DOMANI ALL’ARS INCONTRA LA 3a E LA 6a COMMISSIONE

Domattina, venerdì 11 gennaio, alle 10,30 alla Assemblea regionale Siciliana, nella Sala Rossa di Palazzo dei Normanni, si svolgerà un incontro con il cartello di “Stop glyphosate”, la coalizione delle associazioni e dei gruppi che si sono schierati contro l’uso dell’erbicida disseccante più diffuso nelle agricolture evolute. Continua la lettura di STOP GLYPHOSATE, IL CARTELLO SICILIANO DOMANI ALL’ARS INCONTRA LA 3a E LA 6a COMMISSIONE

DECLINO DELLE API E DEL LORO MIELE: SCOPERTO UN ESTRATTO CHE LE PROTEGGE DA VIRUS DANNOSI

Secondo una nuova ricerca degli scienziati della Washington State University, è stato osservato che un estratto di un fungo, dato come nutriente per le api da miele, riduce notevolmente la possibilità che si ritrovino infettate da virus. Preservare questi insetti è sicuramente un passo importante per la salvaguardia della biodiversità.

Nelle prove sul campo, le colonie alimentate con estratto di micelio da amadou e funghi reishi hanno registrato una riduzione di 79 volte del “virus dell’ala deformata” ed una riduzione di 45.000 volte del virus del lago Sinai.

Nell’ultimo decennio, gli apicoltori hanno assistito ad un disastroso declino della salute delle colonie di api da miele, con una media di oltre il 30% annuo in negativo. Gli acari Varroa e i virus che proliferano svolgono un ruolo importante in queste perdite. Il virus dell’ala deformata, che causa l’avvizzimento delle ali, riduce notevolmente la durata della vita delle api operaie.

La nostra più grande speranza è che questi estratti abbiano un tale impatto sui virus da aiutare gli acari varroa a diventare solo un “fastidio” per le api, piuttosto che causare devastazioni”, ha detto Steve Sheppard, un professore di entomologia della WSU e uno degli autori. “Siamo entusiasti di vedere dove questa ricerca ci conduce. Il tempo stringe per le colonie di api e la sicurezza delle forniture alimentari mondiali dipende dalla nostra capacità di trovare mezzi per migliorare la salute degli impollinatori”.

Prosegue Sheppard:”Uno dei principali modi in cui gli acari varroa feriscono le api è diffondendo e amplificando i virus. Gli acari mettono davvero sotto stress il sistema immunitario delle api, rendendole più suscettibili ai virus che ne accorciano la vita”.

Questo è il primo documento di ricerca frutto di una partnership tra il laboratorio di Sheppard e Fungi Perfecti. Il loro co-proprietario e fondatore Paul Stamets è un coautore del documento.
Stamets è un esperto riguardo i benefici dei funghi, sia per l’uomo che l’intero ecosistema naturale. E si sta godendo questa collaborazione con Sheppard e il suo laboratorio.

Paul in precedenza ha lavorato ad un progetto che mostrava le proprietà antivirali degli estratti miceliali sulle cellule umane“, ha detto Sheppard. “Ha letto dei virus che danneggiano le api e ci ha chiamato per esplorare l’uso degli estratti su di esse e dopo due anni abbiamo dimostrato che quelle proprietà anti-virali si estendono anche alle api”.

Questo è un grande esempio di unione dei punti tra due campi della scienza biologica“, ha detto Stamets. “Sono entusiasta delle nuove scoperte e delle opportunità: per me il meglio della scienza è quando viene utilizzata per soluzioni pratiche: il nostro team è onorato di lavorare con i ricercatori della WSU e non vede l’ora di continuare la collaborazione”.

Sebbene tutte queste novità, al momento l’estratto di micelio non è ancora disponibile per l’acquisto ed utilizzo da parte degli apicoltori. In merito a quest’aspetto, Stamets riferisce: “Stiamo aumentando la produzione degli estratti il ​​più rapidamente possibile, dati gli ostacoli che dobbiamo superare per distribuirlo su vasta scala“, ha aggiunto Stamets.
Sheppard ha detto che lui ed i suoi colleghi hanno in programma di fare più lavoro per perfezionare i loro risultati ora pubblicati. In questo modo gli apicoltori avranno le migliori informazioni quando le forniture saranno più disponibili.

Non siamo sicuri se il micelio stia solo migliorando il sistema immunitario delle api o addirittura combattendo i virus“, ha detto Sheppard. “Stiamo lavorando per capirlo, parallelamente nel testare in gruppi più ampi di colonie, per sviluppare le migliori pratiche e determinare la quantità di estratto da utilizzare e quando avere la migliore efficienza”.

Il virus del lago Sinai è anche associato agli acari varroa ed è diffuso nelle colonie di api negli Stati Uniti. Sebbene il virus non abbia sintomi visibili, è difficile da combattere perché è stato trovato a livelli molto profondi nella gerarchia delle api. È strettamente correlato al virus della paralisi cronica dell’ape e probabilmente rende le api malate e deboli, secondo il professor ricercatore della WSU, Brandon Hopkins.

Le colonie di api trattate in questo esperimento sono state alimentate con un trattamento orale di estratti miceliali in dozzine di piccole colonie di api WSU infestate da acari varroa.

È un trattamento davvero facile da applicare“, ha detto Sheppard. “Dopo aver seguito colonie più grandi per un anno intero, possiamo sviluppare raccomandazioni su come utilizzare gli estratti, quindi ci si aspetta che Fungi Perfecti aumenterà la produzione”.

Al momento non esiste una tempistica per quando l’estratto sarà disponibile su scala abbastanza grande per poter essere usato dagli apicoltori di tutto il mondo.

Giovanni Ferrandes

 FONTE:PHYS

https://tech.everyeye.it/notizie/declino-delle-api-del-loro-miele-scoperto-estratto-che-protegge-virus-dannosi-346385.html

Unaapi, uno sguardo a volo d’ape sull’apicoltura professionale

api-volo-sciame-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpgApi in volo
Fonte foto: Matteo Giusti – Agronotizie

Abbiamo intervistato Giuseppe Cefalo, presidente dell’Unione nazionale associazioni apicoltori italiani, per fare una panoramica sul mondo apistico italiano e sui temi caldi, dai neonicotinoidi, alla Carta di San Michele all’Adige, passando per il miele cinese Continua la lettura di Unaapi, uno sguardo a volo d’ape sull’apicoltura professionale

Glifosato: Monsanto accusata di dati falsi nei test di sicurezza

Non si arrestano le polemiche intorno alla questione dell’uso del glifosato. Gli studiosi si dividono fra coloro che sostengono che il famoso erbicida sia causa di molti problemi di salute e coloro che invece sono convinti che non occorra procedere a metterlo al bando.

Nel frattempo negli Stati Uniti sono emersi nuovi indizi nello scontro che vede da una parte la multinazionale Monsanto e dall’altra DeWayne Johnson. Quest’ultima è una giardiniera di 46 anni, malata di linfoma non Hodgkin, che sostiene di aver sviluppato la patologia dopo essere stata a contatto con le sostanze chimiche utilizzate per essere distribuite nei cortili delle scuole.

Continua la lettura di Glifosato: Monsanto accusata di dati falsi nei test di sicurezza

Lettera al Mipaaf contro l’import di miele di provenienza cinese

Il Presidente di Unaapi Giuseppe Cefalo ha inviato al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali una lettera di denuncia (in allegato) per  il miele di provenienza cinese importato e commercializzato nel mercato italiano ed europeo.honey dripping 556744918 1200

Il miele di provenienza cinese, infatti, non risponde alla normativa europea perchè spesso la sua produzione riguarda miele immaturo con un alto contenuto d’acqua, che viene poi conferito a “fabbriche del miele” che provvedono a lavorarlo, filtrarlo e deumidificarlo. Da questo processo – che avviene in fabbrica e non nell’alveare, come invece  prevede la norma  – deriva un prodotto senza le varie componenti caratteristiche del miele (Direttiva europea 2011/110/CE, Codex Alimentarius 1981).

Unaapi ritiene che la commercializzazione consapevole di qualsiasi prodotto alimentare, che non soddisfa gli standard previsti dalla norma, sia frode alimentare e chiede al Ministro di attivare tutte le misure necessarie per porre fine a questo grave scandalo.